Una finestra sul Mondo

Arte - L'immagine del giorno

Astronomia - Un'immagine al giorno



Il gadget che stava qui è sospeso per 24/48/60 ore.
Stiamo valutando una soluzione alternativa.
Ghe pensi mi, così si espresso il Presidente dell'Isola che ha già riunito un'apposita task force che si concentrerà per trovare la soluzione migliore nel minor tempo possibile.
Nel frattempo nell'Isola c'è agitazione.
Pare esistano forme di vita intelligenti.
Il Presidente è sconvolto dalla raggelante novità.


domenica 16 dicembre 2007

avventura sull'isola che c'è parte 6

Davanti ad un manicaretto di Riri le due amiche iniziarono a raccontare la loro avventura, iniziò Angela.
“Sulla terra ferma una sommossa stava facendo incetta di tranquillità e serenità, i briganti hanno ormai preso il potere, e hanno imprigionato chi dissentiva da loro. Io e raffi siamo scampate per caso a questa sommossa, nascondendoci nella vecchia casa di Luca che ormai sapevano via da quelle terre. Una notte decidemmo di partire anche noi per raggiungere almeno >>la terra di reveland<<, ma la mia imbarcazione era stata scovata e distrutta nel rogo di giorni prima.” Qui angela si interrompe e ebbe uno sguardo malinconico per la sua imbarcazione a cui era molto legata per i suoi trascorsi e il suo vissuto. Continuò Raffi il racconto dicendo:”si, l’unica imbarcazione rimasta era la mia, >>la veneziana<< ed allora in piena notte riuscimmo a raggiungere il piccolo porto dove era nascosta la mia piccola nave.” Qui raffi ebbe un lugno momento di riflessione, che permise a Riri di donare alle amiche un sorriso rassicurante. Io Nigel Tommaso e Nicola eravamo estasiati dal racconto delle due coraggiose viaggiatrici.
Raffi riprese il racconto:” La luna ci diede una mano con la sua immensa luce notturna e salpammo verso le due e mezza di notte, riuscimmo a salpare senza alcun problema. Purtroppo dalla fortezza si accorsero che un’imbarcazione si stava allontanando dalla terra prendendo il largo. Ci misero alle costole la nave >>bodrogo<<>>Bodrogo<< è nave veloce ed in poche ore riuscì a cancellare il nostro margine.
Sia io che Angela siamo riusciti a contenere i loro attacchi, convinte che ci volevano vive perciò alle nostre manovre evasive i rivali avevano la mano morbida poiché sparavano solo delle piccole scariche di avvertimento.”
Qui raffi prese un boccone e lasciò continuare Angela nel suo racconto.
“si infatti è andata avanti per alcuni giorni sin quando decisero di sparare una bordata con il cannone che devastò >>la Veneziana<<. La palla di cannone spezzò il ponte in due, ma raffi ebbe la prontezza di staccare l’albero della vela e gettarlo in mare. Ci buttammo in acqua, ed io riuscì a vedere in lontananza della terra, e con la speranza nel cuore siamo riuscite a condurre il nostro pezzo di salvezza verso quel brandello di speranza. Raffi vide del fumo verso quella spiaggia e decidemmo di urlare più che potevamo. Il resto poi lo sapete grazie a Nigel e a Mut eccoci qui!”
Angela sorrise terminando il proprio cibo nel bpiatto. Tommaso ricordò di aver visto due navi che si avvicinavano ed allora comprese chi fossero quelle due imbarcazioni. Insieme decidemmo di fare una sorta di protezione all’isola, e così si decise il piano di difesa.

4 commenti:

Tomaso ha detto...

La situazione precipita, non mancate,di guardare l'assemblea straordinaria,di oggi,

Nicola ha detto...

Caro Luca ,la vita è veramente piena di sorprese i tuoi scritti hanno un significato profondo ed un preciso messaggio di come interpretarla.
Grazie
ps però Angela,Raffy,Cinzia ed Esmeralda tutte per te mi sembra un pò esagerato,comunque oggi sentiamo cosa ne pensa il sindaco!

esmeralda ha detto...

Però...sempre più rischiosa l'avventura dell'isola!
Manca solo il tesoro e poi siamo a posto! Lol Lol :-))
Ciauuz

Tomaso ha detto...

Pazienza, e ancora, pazienza, chissà!