Una finestra sul Mondo

Arte - L'immagine del giorno

Astronomia - Un'immagine al giorno



Il gadget che stava qui è sospeso per 24/48/60 ore.
Stiamo valutando una soluzione alternativa.
Ghe pensi mi, così si espresso il Presidente dell'Isola che ha già riunito un'apposita task force che si concentrerà per trovare la soluzione migliore nel minor tempo possibile.
Nel frattempo nell'Isola c'è agitazione.
Pare esistano forme di vita intelligenti.
Il Presidente è sconvolto dalla raggelante novità.


sabato 15 dicembre 2007

avventura sull'isola che c'è parte 5

osa fossero quelle barche rimase appesa tra gli alberi della nostra amata isola, e Nigel decise di fare a turno sul faro, pertanto decidemmo io e il guardiano di vegliare durante la notte per il timore di un attacco improvviso.
Tommaso ci raccontò cosa stava succedendo sulla terra ferma, e noi con la tristezza nel cuore pensavamo ai nostri cari amici rimasti lì nel vortice degli eventi.
Dopo alcuni giorni io notai dei rottami rimasti incagliati sugli scogli davanti all’isola. Li feci notare a Nigel e immediatamente salimmo sulla nostra scialuppa di salvataggio che di solito usiamo tutt’ora per recuperare i naufraghi o accogliere le navi le quali trovano difficile entrare nel nostro porticiolo. Dopo alcune remate raggiugemmo il primo scoglio trovando un’insegna di un’imbarcazione con su scritto una mezza parola “ Iana” molto probabilmente una nave caduta in chissà quale vortice di vento o d’acque.
Io e nigel ci scambiammo una veloce occhiata dove si leggeva la nostra apprensione. Nigel da buon marinaio diede una rapida occhiata verso l’orizzonte. Scosse la testa e mi fece cenno di
tornare indietro, fù in questo momento che udimmo urla di due persone, molto probabilmente chi
si era salvata dall’affondamento della nave.
In lontananza vedemmo una nave che con la vela totalmente nera, si avvicinava a due figure attaccate all’albero di un’imbarcazione che ormai galleggiava facendo da supporto per quei
Sventurati. Io sotto consiglio di Nigel estrassi il piccolo cannoncino che portavamo sempre con noi per la difesa e lo caricai. Con una manovra da censura Nigel riuscì ad andare verso le due figure, ma intanto la nave con la vela nera si avvicinava sempre di più. Io da lontano riconobbi Angela e Raffi che disperate chiedevano aiuto. Una corsa contro il tempo ecco cosa era quella specie di regata. Nigel con una manovra da stratega del mare riuscì a mettere la nostra imbarcazione tra le due naufraghe e la nave con la vela nera, riuscendo così a dare una sorta di protezione alle due amiche. Io rimasi pronto con il cannoncino carico, ed al primo accenno di velleità della nave con la vela nera, sparai un colpo direttamente al drappo lacerandolo in più parti. Immediatamente Nigel raggiunse le due naufraghe ed io con un altro colpo caricato mi prestavo a ricolpire la nave, quando una sventagliata di proiettili sfiorò la nostra piccola goletta. La freddezza di Nigel ha permesso di farci mettere la nostra imbarcazione dietro gli scogli, facendo di fatto che questi diventassero scudo dalla minaccia.

Angela e Raffi erano spaventatissime, e Nigel diede loro una goccia di cordiale per farle riprendere. La nostra goletta tornò al suo letto, mentre la nave con la vela nera ormai lacerata, si dovette allontanare verso il largo.
Chi erano quelli sulla nave con la vela nera? Come mai Angela e Raffi erano inseguite?
Ne io ne Nigel chiesimo nulla poiché prima di tutto si doveva far rifocillare e riposare le naufraghe, intanto raccontammo tutto a Tommaso Nicola e Riri, la quale si prodigò nel preparare un buon pasto alle due poverette.

6 commenti:

Tomaso ha detto...

Fantastica verità caro Luca,
l'isola non è più sicura, domani se ne parlerà alla asemblea straordinaria
bisogna prendere dei seri provvedimenti,

Angela ha detto...

che arrivo rocambolesco
pauuuuura!
e poi tu e nigel eravate così frastornati che non ci *chiesite* nulla :)))

Mutthleys ha detto...

no guarda che lo abbiamo fatto solo perché non volevamo turbarvi tutto qui, lo sai come siamo noi no?

esmeralda ha detto...

Ellalà, che storia fighissima!

riri ha detto...

E per fortuna che c'è..... rirì
che vi fa rifocillare, con i suoi manicaretti, ed il buonumore fa ritornare. :-)

Tomaso ha detto...

Brava riri, e per questo che ho molto pensato ha te, lo scoprirai quando sarà finita l'assemblea straordinaria, a rileggerci oggi,