Una finestra sul Mondo

Arte - L'immagine del giorno

Astronomia - Un'immagine al giorno



Il gadget che stava qui è sospeso per 24/48/60 ore.
Stiamo valutando una soluzione alternativa.
Ghe pensi mi, così si espresso il Presidente dell'Isola che ha già riunito un'apposita task force che si concentrerà per trovare la soluzione migliore nel minor tempo possibile.
Nel frattempo nell'Isola c'è agitazione.
Pare esistano forme di vita intelligenti.
Il Presidente è sconvolto dalla raggelante novità.


venerdì 13 giugno 2008

IL PRINCIPE COMUNE 16a parte

Il destino lo aveva già duramente colpito, perciò adesso poteva lasciarsi andare completamente a questa felicità, a questi momenti teneri, senza preoccuparsi troppo del futuro. Il suo dilemma era se poteva legare a sé quella splendida fanciulla solo per pochi mesi. Era giusto tutto questo? E quando fosse finita, lei non avrebbe avuto del rancore, del risentimento nei suoi confronti per averglielo tenuto nascosto? Quasi gli leggesse nella mente, lei gli sorrise, lo abbracciò stretto e gli disse di non aver paura, che qualsiasi durata avesse avuto il loro amore, anche un solo giorno, sarebbe valsa la pena di viverlo intensamente, lasciandosi andare senza pensieri bui! Lo baciò e continuò a esortarlo a non pensare a niente, ad essere felice, ché lei era lì, insieme a lui e questo solamente contava! Cominciò a baciarlo, poi si fermò colpita da un pensiero, doveva avvertire la sua cara amica Fulvia, non poteva andarsene così, senza nemmeno salutarla. Lui le passò il telefono e si allontanò sul ponte. Lei gridava eccitata, non si poteva evitare di ascoltarla - Ciao, Fulvia, sono io, sono qui con lui, lo amo, sì, anche lui; partiamo subito, sì, addio, ti penserò sempre, salutami tutti gli altri. Grazie… aspetta, vuoi parlargli? - Dall’altro capo del telefono, Fulvia piangeva, le rispose subito di no, ma poi ci ripensò e se lo fece passare –Ciao, Whilly, ti devo dire una sola cosa, non farle del male, amala sempre, lei è buona, non merita cattiverie, lei non sa cosa vuol dire astio; amala sempre, ti prego, non deluderla mai, addio! Ci rivedremo quando tornerete a Ventimiglia, ciao, ciao, no, salutala tu per me, ciao- Lui capì il grande legame che univa le due ragazze e ne rimase impressionato, perché non aveva mai avuto un amico vero, qualcuno che si preoccupasse per lui, in quel modo così coinvolgente, così tenero, così fanciullesco, così bello. Si girò a cercare Sara e non la vide, fu preso dal panico pensando che avesse cambiato idea e fosse tornata indietro sui suoi passi, che fosse andata via! Guardò dappertutto e poi finalmente andò nella sua stanza e la trovò addormentata. Sembrava un angelo bruno, con i capelli nero corvino, sparsi sui cuscini, dormiva di traverso, i piedi fuori dal grande letto, coperta ancora solo dal tovagliolo che si era messo in cucina; dormiva profondamente, lui si sedette ai bordi del letto a guardarla: Avrebbe voluto fermare quell’attimo per sempre. Lei era troppo bella, tenera, dolce, con quel piccolo viso minuto, il corpo snello ed abbronzato, un respiro lieve che le faceva andare su e giù il tovagliolo appoggiato sul seno. Whilly era incantato, le prese una mano e lei gliela strinse forte forte. Lui la baciò piano, poi prese il lenzuolo e la coprì, togliendole il tovagliolo. Lei si girò su un fianco, allungò un braccio quasi a cercarlo, ma lui era sempre lì che la guardava, allora lei avvertì la sua presenza, il suo sguardo intenso ed aprì piano piano gli occhi. Gli chiese l’ora, e si preoccupò che fosse tardi - Mi sono addormentata- disse.

2 commenti:

Tony Pannone ha detto...

Riri un saluto non posso commentare la storia perche' mi sono perso qualche cosa per strada, sappi comunque che anche se fosse una brutta storia per me è bella....ciao Rosy......

riri ha detto...

Caro Tony,ricambio il saluto e ti auguro una buona giornata:-)
Se volessi riprendere le puntate precedenti basta che clicchi sul titolo "il principe comune"vicino alle etichette,al fondo della puntata,troverai sia le precedenti che altri racconti.Oppure a destra del blog sulla voce "racconto".,oppure il principe comuna.
Buona domenica.