Una finestra sul Mondo

Arte - L'immagine del giorno

Astronomia - Un'immagine al giorno



Il gadget che stava qui è sospeso per 24/48/60 ore.
Stiamo valutando una soluzione alternativa.
Ghe pensi mi, così si espresso il Presidente dell'Isola che ha già riunito un'apposita task force che si concentrerà per trovare la soluzione migliore nel minor tempo possibile.
Nel frattempo nell'Isola c'è agitazione.
Pare esistano forme di vita intelligenti.
Il Presidente è sconvolto dalla raggelante novità.


sabato 17 ottobre 2009

LA CASA IN VIA DEL CAMPO.....

..erano un pò di giorni che questa canzone mi girava per la testa, mi sorprendevo a cantarla con un pizzico di rimpianto. Mi son detta in fondo è solo una vecchia canzone, risale al 1978 la canta ancora su youtube Franco Simone, che un pò mi somiglia:-) la mia copia al maschile...una maschera tenera, mentre lo sento cantare, un viso pulito, quasi trasparente.
Io abitavo proprio lì, in una casa di campagna, dove ho trascorso dei momenti felici e momenti di sconforto terribile, ma i ricordi restano indelebili, delle risate, le partite a carte interminabili, i brindisi per niente e per tutto. In quella casa, la mia prima casa, ho lasciato un pò del mio cuore ed ogni tanto vado a riguardarla ed è come rivedere un sogno al rallentatore, un sogno che vorresti non finisse mai, poi ti svegli e vai incontro alla realtà..alla vita, che a volte indurisce i cuori, che sembravano puri e pieni di ideali, a volte ti sembra che manchi quel pizzico di sana follia, dove tutto era possibile, sembrava a portata di mano e lo prendevi, così..sorridendo senza nulla togliere a nessuno. La mia casa in via del campo era piena di bambini, il mio era piccolino e figlio unico, allora tutti i giorni transitavano decine di bambini in cerca del mio piccolo grande amore, avevo un cestino di caramelle, cioccolattini, biscotti, loro sapevano dove andare, poi c'erano le feste, le inventavano con la magia dei loro bellissimi anni, anni di incanto verso il mondo, di meraviglia continua...Il tempo passa e passano le favole per tutti, arriva il giorno in cui ti accorgi che la vita va vissuta con i piedi per terra..un'espressione di una cara amica, che non ho mai condiviso, neanche ora..penso che bisogna essere sempre un pò tra le nuvole per poter dare spazio ai sogni e per cercare il sole.....però ci provo ancora adesso a non stare sempre col naso in su in cerca di aerei nuvole aquiloni..

23 commenti:

Gabry in blog Belella ha detto...

Quanti ricordi affiorano alla mente se solo si pensa ai luoghi della nostra infanzia , a me è successo quando sono ritornata qui in casa con mamma, che poi è stata la casa della mia infanzia e giovinezza, dopo tanti anni che ero andata via, ogni cosa mi riportava alla mente ricordi ed emozioni perchè ogni cosa parlava di me, della mia vita.

Bellissimo questo post!

Un abbraccio ad entrambi e buona domenica!

pierangela ha detto...

bellissimo post, in questi giorni stò svuotando una vecchia cantina di casa,devo dirti che ogni volta che svuoto nella discarica vecchi giocattoli rotti, cose di casa in disuso da anni ,mi sembra di buttare quella parte di vita che era piena di sogni.
buona domenica

Caterina ha detto...

É bello questo testo. Mi fa ricordare alle facende della mia vita.
La casa fa parte della nostra vita. Vede molte nostre gioie e tristezze. Lasciare una casa é veramente come lasciare i ricordi. Per fortuna i ricordi rimangono anche nella nostra memoria. Quando abbiamo venduto la casa della nostra famiglia (l'anno scorso - dopo un anno e mezzo dalla morte della mamma)credevo che mi spacchi il cuore. Mi veniva in mente spesso una bella canzone di Maria Carta sulla vecchia casa. (purtroppo non mi viene in mente il testo, solo la melodia).Nell'altro mio blog (latristezza) ho fatto un video sulla casa vecchia. Volevo farlo accompagnare da questa canzone menzionata di Maria Carta, ma neanche allora mi é venuta in mente il titolo.
Tanti bacini e buona domenica:
Kati

ultimobandito ha detto...

Non so se è il posto giusto, ma oggi per me è un bel giorno. un saluto a tutti.

ultimobandito ha detto...

... e mi sono dimenticato di scrivere che grazie ad oggi, sono tornato a scrivere sul mio blog.
A risaluti.

Pietro ha detto...

Riri, testo bellissimo.
Oggi in montagna giornata tersa con forte vento gelido. E io con camicia e giacchetta leggera
;-)

Pupottina ha detto...

O_O
avevo un anno quando è stata scritta quella canzone.... O_O
sempre più sbalordita.....

Pupottina ha detto...

buona serata e grazie per il consiglio letterario.....
appena faccio nuovi acquisti di libri lo cerco.... per adesso è un commento in memoria nel post giusto... ;-)
grazieeeeeeeeeeee

Renata ha detto...

Non bisogna mai smettere di stare "con i piedi...ben piantati tra le nuvole".

Buona nanna RIRI !

Gabry in blog Belella ha detto...

Buongiorno Riri , grazie per il bellissimo pensiero che hai lasciato da me, ieri veramente sarei scappata per venire alla castagnata, mamma ieri, complice il tempo grigio piovoso e freddo, ha fatto la biricchina... anzi direi proprio la cattivona.....
Vabbe... non ci pensiamo più e cerchiamo di affrontare al meglio questa nuova settimana.

Un abbraccio a te e a Nicolanondoc e coccole sparse a Poker.

marcella candido cianchetti ha detto...

che bei ricordi! buon inizio di settimana qui il freddo impera qundi cappotti sciarpe ecc... vasilli

pierangela ha detto...

ciao riri mi spiace che il freddo vi abbia stesi tutti, io con il freddo ci vivo bene, sono la principessa delle nevi hahahhahaah.

la mamma gode ottima salute saranno l'appetito non le manca anzicon il freddo ha aumentato le dosi di cibi fritti e grassi.

giovedì compie 96 anni ci sarà festa sul blog, mi ha detto se metti la foto ritoccala un po perche sembro una donna anziana.
un saluto ed un bacio

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Un racconto dolcissimo.
Un abbraccio cara Riri.

Daniel ha detto...

Cara Riri,
quanta poesia nostalgica in queste righe.. la tua è una saggezza emotiva che non lascia mai indifferenti. Credo che ogni luogo si impregni del sapore emotivo di chi vi ha vissuto.. e che tornarci non possa mai essere privo di effetti...
Siamo così, sempre fragili e sbattuti fra i ricordi.. sempre forti e capaci di andare avanti nonostante tutto.
Un forte abbraccio
Daniel

Luigina ha detto...

Conoscevo la versione cantata da Amalia Rodriguez di questa canzone, ma è molto bella anche la versione di Franco Simone. Anche il tuo racconto pieno di nostalgia ne rievoca l'atmosfera. Rirì se tu fossi sempre con i piedi piantati per terra non saresti neanche tu. Ogni tanto fa bene spaziare nel mondo dei sogni e fra le nuvole

Gabry in blog Belella ha detto...

Buongiornoooooooo!!!
Svegliaaaaaaaaaaa pigroni dormiglioni..... ieri qui giornata bellissima con sole anche se la temperatura si è matenuta bassina, questa notte ha piovutoa ma ora vedo le stelle sopra ad un cielo sereno, speriamo che non cambi e che l'alba si colori di rosso per donarci anche oggi un bel sole.

Un abbraccio!!!

marcella candido cianchetti ha detto...

fatto pollp alla beduina ritoccato? buona giornata vasilli

Pupottina ha detto...

ciao riri. sono stata costretta a cambiare il pc di casa ed ancora mi oriento poco.... maledetta tecnologia, che se non ci fosse bisognerebbe inventare!!! è grazie alla tecnologia che posso averti come amica, no? ;-)
e la musica è una sensazione ed anche per questo bisogna sceglierla così... buona giornata! da me c'è il sole ma fa un freddo tremendo... ^____________^

Caterina ha detto...

Ciao Riri,
buona giornata con il naso su. Sei una meravigliosa persona cosí come sei. La tua "casa in via del campo" di sicuro era sempre movimentata e piena di sentimenti.
Bacini:
Kati

giardigno65 ha detto...

che bella melodia ...

il monticiano ha detto...

Ti ringrazio di avermi fatto rammentare bei tempi d'una volta sia con la canzone che miracolosamente gira anche a me per la testa, sia con il tuo post il cui titolo dice tutto.

Daniel ha detto...

Più leggo questo post e più mi piace. In linea perfetta con il mio mood malinconico attuale.
Grazie per quello che mi hai scritto.. ti ho risposto da me..
tanti baci
Daniel

Nihal ha detto...

Carissima Renata,
Come va? Come sta?
Ti abbraccio forte e ti invio un affettuoso saluto! Scusami perche tanto lavoro e eccomi posso arrivare.

Stanotte freddo terribile qui, arriva la neve...! Ed è proprio l'ideale stare a casa e leggere, ascoltare la musica italiana per me:)

Ti auguro Felice Halloween, a presto da Nicole.