Una finestra sul Mondo

Arte - L'immagine del giorno

Astronomia - Un'immagine al giorno



Il gadget che stava qui è sospeso per 24/48/60 ore.
Stiamo valutando una soluzione alternativa.
Ghe pensi mi, così si espresso il Presidente dell'Isola che ha già riunito un'apposita task force che si concentrerà per trovare la soluzione migliore nel minor tempo possibile.
Nel frattempo nell'Isola c'è agitazione.
Pare esistano forme di vita intelligenti.
Il Presidente è sconvolto dalla raggelante novità.


sabato 10 novembre 2007

L' ISOLA CHE C' E'


Un giorno mi accorsi che il luogo in cui soggiornavo era divenuto alquanto inospitale, così pensai di mollarlo e non tornarci più; saltai sulla barca, misi la prua al vento e feci rotta verso l’Isola che c’è.
Il mare era un po’ mosso, rischiava di sviarmi, ma fortunatamente avevo la mia bussola e arrivai sano e salvo a destinazione. Sull’isola trovai pochi, ma buoni, amici e una cordiale ospitalità.
Certo, a rifletter bene, è un po’ strana quest’Isola, direi proprio sui generis: ha forma varia, cangiante e c’è proprio di tutto: uomini, piante, frutti ed animali; le case son tinteggiate con colori elettrici; l’aria è impregnata di aromi esotici e s’odono pure motivi demodé.
Sovente, lungo i sentieri, sparsi a caso per terra, si ha la sorpresa di rinvenire versi, foto ingiallite o vecchi souvenir.
E’ proprio bizzarra quest’ Isola che c’è: qui nessuno si preoccupa se sia sbagliato “ripostare” un saluto, ne si vergogna se commette errori grammaticali. Ognuno campa e si esprime come più gli va.
L’Isola adesso conta una decina d’anime e vi si respira un’atmosfera raccolta, familiare, senza clamori o conflittualità.
Forse, questo modo di fare potrà sembrar monotono, noioso, ma agli abitanti sta bene così.

6 commenti:

Tomaso ha detto...

Tu ai scoperto l'Isola che non c'é lai descritta molto bene non mi resta altro da dire, forse potrei aggiungere che ne parlano tanto i credenti, al di la, troveremo la pace, e pure il paradiso, io direi che noi il paradiso lo abbiamo trovato nell'Isola che c'è.

Tomaso ha detto...

Scusale l'errore di l'Isola che non c'è, volevo dire l'Isola che c'è

Il guardiano del faro ha detto...

Tranquillo, Tom, tranquillo...qui non ci sono maestrini dalla penna rossa ^__^

Angela ha detto...

mi sembra un bell'editoriale conciso ma eloquente ed efficace :)

esmeralda ha detto...

Un bel quadretto che dovrebbe spingere tutti a partecipare di più all'isola che c'è.

Mutthleys ha detto...

Senza che nessuno potesse immmaginare presi la mia barchetta e lasciai una terra che mi diede molto a suo tempo, felice che la mia barca tutta blu mi aspettava. Quel paese era divvenuto per me non più consono, e in serenità misi le mie cosette in valigia accesi il motore a scoppio e partì, per non so quale meta. Dopo giorni di viaggio vidi in lontananza una terra, ed un uomo che salutava con un fazzoletto rosso. Riconobbi nicola, e subito mi affrettai a mettere la mia barchetta blu nell'insenatura che faceva da porticiolo. Nicola e Rosi vivevano da qualche tempo su quell'isola in un umile ma accogliente capanna di bambù. Nicola stava costruendo un piccolo faro, e la mia sorpresa fù grande quando il giorno dopo sfinito ed affamato arrivò Nigel. Subito ci siamo prodigati ad accudirlo. Nel frattempo io mi ero fatto una semplice casetta sull'albero, ma contavo di costruire una pigione di mattoni. Insomma, siamo riusciti a costruire il faro tra nicola davide i e Nigel. Rosi ed Angela ci aiutavano preparandoci i pranzi,e Raffii che arrivò assieme ad Angela qualche giorno dopo anchesse stremate, le mettemmo subito a costruire le cose di primaria necessità di quest'isola. Come dimenticare poi l'arrivo di Tommaso che in una notte tempestosa arrivò raccontandoci dei improperi che sulla vecchia spiaggia nascevano e proliferavano? Decidemmo di fare Tommaso sindaco, e così facendo ora la nostra isola che c'è, con il nostro magnifico faro illumina la via per chi vuole trovare tranquillità e serenità senza dover mangiare giudizi travestiti da opignoni personali. Qui siamo noi, e la nostra prima legge è: le persone sono ciò che sono, e nessuno è tenuto a giudicare se l'animo di un cuore puro dice la buona notte o il buon giorno.
Ecco come è andata cari miei, quando avrò tempo vi posterò la vicenda per intero. ciao,
luca.