Una finestra sul Mondo

Arte - L'immagine del giorno

Astronomia - Un'immagine al giorno



Il gadget che stava qui è sospeso per 24/48/60 ore.
Stiamo valutando una soluzione alternativa.
Ghe pensi mi, così si espresso il Presidente dell'Isola che ha già riunito un'apposita task force che si concentrerà per trovare la soluzione migliore nel minor tempo possibile.
Nel frattempo nell'Isola c'è agitazione.
Pare esistano forme di vita intelligenti.
Il Presidente è sconvolto dalla raggelante novità.


mercoledì 5 maggio 2010

IL BEL GIORNO SI VEDE DAL MATTINO

..e non parlo di tempo, anche se incide, anche se qui piove ininterrottamente da giorni, a volte ci si sveglia chiedendosi mille perchè e non ci sono tutte le risposte. L'uomo, vegetariano, consumatore di carne da macello od altro, spesso è in contraddizione con se stesso ed il mondo. Cosa ci manca per essere più umani? Il buon senso di un animale o la certezza di essere superiori alle bestie che pure sono parte del creato? Si va avanti, a volte con indifferenza, spesso si rasenta il cinismo, ma si va lontano per dare una mano. Ci si preoccupa di mille associazioni per altri stati e non ci si accorge del vicino, del fratello che soffre ed il fratello è inteso in senso universale. Si spendono mille parole, si celebrano messe e si prega in nome di un solo Dio che sembra dimenticato, assopito, quasi assente. E' l'uomo che si trasforma e diventa più simile alla bestia e la bestia è intesa come quella feroce, quella che con i suoi artigli ti penetra dentro la carne, per sbranarti, perchè ha fame!!!La bestia è presente in tutti gli uomini, pochi sono gli eletti, quelli in odore di santità, a volte si è vicini ad un Dio che ci creiamo per non morire, altre ci si affanna per il dio denaro, allora cosa siamo diventati, chi siamo? Per soldi si uccide, si ruba, si trasforma il mare in nero petrolio, per soldi ci si vende, ma tutto ciò avrà una fine? Voglio andare su un altro pianeta.

15 commenti:

ultimobandito ha detto...

si Riri, anch'io voglio andare su un altro pianeta. Ma è così difficile discernere il male dal bene? Eppure come dici tu, l'uomo è cattivo. Ultimamente sento alla tv: petrolio in quantità industriale in acqua limpida, popoli ridotti al lastrico perchè chi li doveva amministrare ha amministrato se stesso. Insomma l'elenco è lungo anche nelle piccole cose.
Se trovate un altro pianeta migliore di questo, fatemi un fischio.

marcella candido cianchetti ha detto...

bello bello vengo anch'io su un altro pianeta buona giornata con vasilli

Pupottina ha detto...

credo che anche su un altro pianeta gli uomini avranno le stesse priorità che non mettono al centtro il nostro ipotetico fratello universale... anche su un altro pianeta se ci fosse stato l'uomo credo che ogni cosa sarebbe andata esattamente così...
questo post è molto triste e fa riflettere...

Caterina ha detto...

Ciao Riri,
si uccide per i soldi e per il sesso, si uccide per il potere.Nel contempo pperó io credo nella saggezza e forza delle persone benevole.
Buona giornata cara amica con sole:))

Milo ha detto...

Dio...
(...o il Caso o la Logica dell'Evoluzione) ci ha fatto onnivori.

Siamo onnivori.

Ciò non significava affatto che "dovevamo" mangiare tutto,
ma che "potevamo" scegliere cosa mangiare, a differenza dei carnivori che non hanno scelta. Potevamo scegliere di "non uccidere".

Ci siamo posti al vertice della catena alimentare.
Abbiamo scoperchiato crani e mangiato cervelli di scimmie vive con cucchiai affilati (una raffinatezza!), e arrostito cani (i chow-chow per es), gatti, pinne di squali, polvere di corno di rinoceronti illudendoci che servisse a essere più virili (ah-ah), fegato di oche ingrassate ingozzate a testa in giù per soddisfare la gola (paté de foie gras), pesci spellati ancora vivi (in Giappone, per credenze assurde), cavalli, buoi, maiali, agnelli da latte, e poi abbiamo usato il succo dei loro stomaci per farci il caglio con cui produciamo i formaggi più pregiati (parmigiano reggiano), e poi ci siamo fatti brodo di tartaruga, musciamme di delfino, e siamo arrivati pure a gustare il "porco lungo": i nemici uccisi con le mazze e cotti nei forni ricavati da buche nel terreno.
Non ci siamo fatti mancare davvero niente.

E già che sono arrivato qui faccio un rapido accenno alle guerre, e le deportazioni, gli stupri, i genocidi,le torture innominabili, le discriminazioni razziali, lo schiavismo, le guerre di religione.

E poi, non ancora contenti, abbiamo cominciato a partire dal XIX sec. a distruggere sistematicamente il pianeta, e ora nel XXI ci siamo superati ancora una volta.

Ad maiora, allora! (o ad malora??)

===================================

P.S. lo so, lo so... ci sono anche un sacco di brave persone, pacifiste, ecologiste e altruiste, scienziati e pensatori, poeti e musicisti. E tanta gente che ama e che sa amare e sa farsi amare.

Ti abbraccio cara Riri, scusa lo sfogo, ma vedo nero! e non solo il mare.

Bacioni!

Luigina ha detto...

Fuggire Rirì non ha senso, anche se condivido la tua amarezza. Questo pianeta ha bisogno di persone di buon senso come te per rinascere dalle sue ceneri. Non mollare. Ti abbraccio e perdonami se vi trascuro un po'. A presto

marcella candido cianchetti ha detto...

buona giornata con tanti vasilli

Gabry ha detto...

Spesso ci vien voglia di andare via, di fuggire da tutto il caos e la cattiveria che ci circonda, ma alla fine sarebbe la stessa cosa perchè le persone sono e rimarranno sempre le stesse ovunque vadano, e per quanto ne so, non esistono posti dove la cattiveria non arriva...purtroppo...

Un abbraccio a tutti Voi e buona giornata.

Milo ha detto...

Carissima Riri,

rispondo al commento che hai lasciato da me:

grazie della solidarietà e devo dire che mi dispiace di essere stato così radicale nel commento qui sopra e di averti così buttato addosso queste atrocità commesse dal genere umano. Purtroppo mi hai colto in un momento di "neritudine" e ti chiedo scusa.

Tornando all'argomento molto più frivolo del "parmigiano" forse è giusto che però almeno si sappia.
Qui a proposito troverai notizie a riguardo e un'indicazione sui tipi di caglio:

http://it.wikipedia.org/wiki/Caglio_(caseificazione)

Anch'io l'ho scoperto da poco perché nei paesi anglosassoni (Grenada x es. che pur essendo indipendente è una monarchia costituzionale e indovina un po' chi è il re? Elisabetta d'Inghilterra!!!!) la sensibilità a riguardo c'è, e nei formaggi è specificato quando si tratta di un prodotto "vegetariano" (quando il caglio non è ricavato dal succo gastrico dei cuccioli di ruminanti).

Ma ti dirò, al momento, visto quello che sta accadendo, mi sembra tutto così inutile...

Il caro Don Chisciotte, quello sì che era uno tosto! ;)

Un bacione e grazie di cuore !!!!

SMACKKKK!!!!

Pupottina ha detto...

buon weekend ^______^

Antonella ha detto...

Anch'io vorrei andare su un altro pianeta perchè tutto mi calza stretto e non sopporto più tutto questo. E' vero, abbiamo toccato il massimo delle nostre negatività, siamo diventati peggio dei boia e degli sciacalli (che sono più nobili di noi)...che cosa ci resta da fare? Impotenti assistiamo alla distruzione di quel poco che si è riusciti a costruire e a salvare... ma come mai non riusciamo a svegliarci da questo incubo? Come mai non ci si ravvede? Non ho più risposte e come te sono profondamente delusa, ma non perdiamo mai la forza di guardare avanti! Un grande abbraccio e un bacio!

marcella candido cianchetti ha detto...

buon fine settimana qui tanto x fare cosa nuova siamo a novembre!!! vasilli

Marianna ha detto...

sono felice che tu abbia notato quella frase si perchè tutti dobbiamo essere felici di essere VIVI non so di chi sia quella frase me l'hanno detta e l'ho scritta tutto qui!
ti auguro una giornata ....
Ps rimani su questo pianeta magari le cose cambieranno bacio!!!!

Pietro ha detto...

Riri, questo post fa riflettere, credo che su un altro pianeta la situazione purtroppo non sarebbe molto differente!
Ti auguro un'ottima domenica! :-)

Daniel ha detto...

Ti scrivo anche io sotto la pioggia. Mia cara, la condizione umana è subdola e ingannevole. Siamo capaci di grande elevazione e di incredibili abissi. In fondo in ciò sta la nostra forza e la nostra debolezza: possiamo scegliere. Ti abbraccio e grazie sempre