Una finestra sul Mondo

Arte - L'immagine del giorno

Astronomia - Un'immagine al giorno



Il gadget che stava qui è sospeso per 24/48/60 ore.
Stiamo valutando una soluzione alternativa.
Ghe pensi mi, così si espresso il Presidente dell'Isola che ha già riunito un'apposita task force che si concentrerà per trovare la soluzione migliore nel minor tempo possibile.
Nel frattempo nell'Isola c'è agitazione.
Pare esistano forme di vita intelligenti.
Il Presidente è sconvolto dalla raggelante novità.


martedì 22 marzo 2011

IN MORTE DI UN SOLDATO

Il soldato (etimologicamente, da soldo) sta nella bara
rigido, sull’attenti, già la morte lo prosciuga
e lo lavora col suo bulino, lui che aveva precisi
sentieri tracciati, ma non manca mai un granello
d’imprevisto nel previsto : la morte è stata per fortuna
solo un istante di dolore e di stupore.

(ma dimmi in confidenza, eri proprio un angelo
con le alucce tricolori svolazzanti :
nessuno eh di quei passatempi così cari alle truppe
uno stupro che so una tortura, ma allora è vero
che i cattivi sono soltanto gli americani
e voi invece buoni in missione si sa umanitaria)

E adesso quel tricolore, la mozione degli affetti,
gli applausi, l’omelia commovente, le personalità
istituzionali, la voce di circostanza dello speaker
televisivo, i titoloni sui giornali, la lacrima sul ciglio
in questa ipocrita rappresentazione di tutte le nostre
ipocrisie, per lui vissuto finora nella cancellazione

degli umili, e adesso già sprofondato nel nulla,
mentre intorno danzano ancora i nani e le ballerine
in questo spettacolo d’insensatezza, allestito
per noi insensati malaccorti
utili idioti al Potere.

R.L.

14 commenti:

Sileno ha detto...

Pure io pensavo le stesse cose che tu hai espresso così bene.
Ciao

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Troppi giochi di potere sulle spalle di persone comuni.Saluti a presto

Lara ha detto...

Concordo con Sileno.
Ciao!
Lara

rosy ha detto...

Già! credo che la morte di un soldato richiede manifestazioni di grande rilievo e di grandi ipocrisie.
Bacione Ciao e buona serata.

Lina-solopoesie ha detto...

Nicola. Sono appena tornata da Riri .. e tu non c'eri , che ci fai nella tua isola senza tua moglie :-) Corri da lei!
Domani vengo a portarvi il buon giorno , fatti trovare così cì beviamo un bel caffè insieme!!
BUONA NOTTE Lina

Adriano Maini ha detto...

Dolente, accurato fotogramma di un'amara realtà da indagare in profondità e da denunciare con forza.

Gabry ha detto...

Intensa e toccante questa lirica.

La guerra di per se già è una cosa brutta ma se poi ci viene venduta come missione di pace, per mascherare interessi e giochi di potere, proprio non va giù.

Un abbraccio a tutti e buona giornata!

marcella candido cianchetti ha detto...

bellissima e giustissime riflessioni, anch'io la penso cosi. buona giornata con caffettuccio e vasilli

rosy ha detto...

Buon giorno cari isolani e anche a te Nicola che ancora non ho capito chi sono gli isolani che stanno con te sull'isola.
Aspetto ragguagli in proposito
Con fede la portiera del nostro condominio.
Ciao bacio

Pupottina ha detto...

ciao Riri
non l'ho letto quel libro e non ce l'ho nemmeno disponibile in casa, ma lo prenderò in considerazione, se mi dici che è bello.
buon pomeriggio

Pupottina ha detto...

sì, vennero chiamati soldati quando "fare il soldati" divenne un mestiere, cioè in età romana, durante la repubblica. troppe guerre rendevano indispensabile che non solo i patrizi, ma anche i plebei, andassero a combattere e per invogliarli introdussero la paga che serviva per non far morire di fame le famiglie che abbandonavano il lavoro dei campi.
purtroppo la sorte del soldato è stata sempre più spesso quella di finire rigido nella bara che di tornare a casa. vanno a combattere per altri, non perché lo vogliono veramente e rischiano la fine peggiore.
ciao Nicolanondoc!
buon pomeriggio anche a te ^____^

Lina-solopoesie ha detto...

NICOLA!!!NICOLA!!!
Mi hai lasciato un commento con scritto :" Prima di passare da Roma, mi sono occupato di vetri e lampadari...loro sono rimasti contenti di me.Un abbraccio Nicola ."
(un abbraccio che contracambio) Nicola ! Nicola! traducilo ! hahahah! E prima di lasciare l'isola per tornare a casa dalla tua riri. Passa da me!! Se poi già stai a nanna, buona notte a domani Lina

marcella candido cianchetti ha detto...

buon giorno passi da me x caffe? vasilli

rosy ha detto...

Un buongiorno agli isolani e a te Nicola
Ciao