Una finestra sul Mondo

Arte - L'immagine del giorno

Astronomia - Un'immagine al giorno



Il gadget che stava qui è sospeso per 24/48/60 ore.
Stiamo valutando una soluzione alternativa.
Ghe pensi mi, così si espresso il Presidente dell'Isola che ha già riunito un'apposita task force che si concentrerà per trovare la soluzione migliore nel minor tempo possibile.
Nel frattempo nell'Isola c'è agitazione.
Pare esistano forme di vita intelligenti.
Il Presidente è sconvolto dalla raggelante novità.


sabato 10 aprile 2010

CORTILE

Com'era grande il cortile dei miei giochi
e le aiuole con le verdi palme aperte
d'irraggiungibili mani (ci scacciava
il portiere)- che corse lungo
i bordi e sbucciature ai ginocchi.

C'erano gatti di seta e sbarre docili
di cancelli all'arrampicata:
era un grande cortile che vibrava
col cuore gonfio di noi bimbi,restii
al richiamo temuto delle madri
dai soffici cuscini del crepuscolo.

Squallore d'un rione popolare:
un cortiletto angusto e quattro
aiuole stente: così s'è rivelata
l'infanzia sventata e fiduciosa
al tuo occhio sgomento di casuale
passante anziana.

8 commenti:

Guernica ha detto...

Ciao a tutti!!!^___^

Eccomi rientrata!
Un bacione.

P.S.Bellissimi i posti nelle foto sotto!

Milo ha detto...

Cara R.L.,

"Le cose che il bambino ama rimangono nel dominio del cuore fino alla vecchiaia. La cosa più bella della vita è che la nostra anima rimanga ad aleggiare nei luoghi dove una volta giocavamo."
(Kahlil Gibran)

Alle parole del poeta libanese aggiungo un mio piccolo corollario:

Non ascoltiamo l'occhio, che tanto è muto. Ascoltiamo invece il Bambino che è in noi. Lui sì che può parlare, perché in lui c'è Verità!

Un abbraccio!
^____^

Caterina ha detto...

I ricordi nostalgici dell'infanzia ci rimangono per sempre.Cara R.L. la tua poesia mi rievoca anche i profumi del giardino della nostra casa famigliare:)): non solo quello dei fiori all'alba ma anche quelle delle foglie cadute d'autunno con le tante storie accadute con noi.
Un grande abbraccio

Gabry ha detto...

Questi versi mi hanno fatto fare un bel tuffo nel passato, nella mia infanzia ormai lontana ma ancora viva nel ricordo di una bimbetta felice e spensierata....

Un abbraccio a tutti e buona domenica!

riri ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
riri ha detto...

Mia cara R. come sono diversi i nostri ricordi... Per me il tuo cortile era un bosco sconfinato dove correvo con i tuoi bambini, i cancelli con edere intrecciate, il portiere arrabbiato da cui scappavamo dopo le marachelle. Gli alberi per me si estendevano con i rami lunghi quasi a toccare un raggio di sole e poi le risate ed i primi amici importanti...Io, che venivo da bui scantinati, dove eravamo relegati in tanti, io lì con te ho visto la vita e mi bevevo ogni attimo, ogni aiuola, albero...Come sono diversi i nostri ricordi, ma io li ho qui impressi nella mente,la tua mano curata che mi rassicurava, i tuoi goielli con cui giocavo ignara....Il destino ci ha fatto incontrare ed il mio amore durerà in eterno!

Lina-solopoesie ha detto...

Riri
Avevo capito che eri un pò indaffarata ...non vedendoti come una volta nei blog...
Ho risposto al commento che mi hai lasciato , veramente
bello ... Ora esco poi al ritorno mi leggo ..(per assaporarla meglio )la poesia.
e lasciarti il mio pensiero ..un bacione LIna

Lina-solopoesie ha detto...

Riri
Rieccomi quì come promesso .
Che dire dei ricordi d'infanzia. Alla pari di ogni età della vita, vi sono ricordi piacevoli come appunto le ore passate a giocare a scuola,i nostri cortili , e ricordi assolutamente neutri, che suscitano ben poca emozione.
Il fatto è che la mente tende a revocare cose piacevoli o spiacevoli a seconda del proprio stato d'animo: cosi una scuola in disuso in una giornata allegra riporterà alla mente ore passate a scambiarsi figurine e feste di carnevale, mentre in una giornata triste probabilmente ci farà pensare a quella bambina che ci prendeva sempre in giro e al fatto che stiamo invecchiando.
I ricordi sono utili perchè ci fanno capire il percorso che abbiamo fatto, cosa abbiamo realizzato, eventuali errori e cose ben fatte.
Insomma è un resoconto della nostra vita.
Ovviamente le cose si vedono in un modo diverso, però ripercorrere i luoghi dell'infanzia per me è una cosa piacevole. In fondo siamo sempre noi ti pare?
UN BACIONE E BUONA SERATA
LINA