Una finestra sul Mondo

Arte - L'immagine del giorno

Astronomia - Un'immagine al giorno



Il gadget che stava qui è sospeso per 24/48/60 ore.
Stiamo valutando una soluzione alternativa.
Ghe pensi mi, così si espresso il Presidente dell'Isola che ha già riunito un'apposita task force che si concentrerà per trovare la soluzione migliore nel minor tempo possibile.
Nel frattempo nell'Isola c'è agitazione.
Pare esistano forme di vita intelligenti.
Il Presidente è sconvolto dalla raggelante novità.


giovedì 30 giugno 2011

domenica 26 giugno 2011

Capire/non capire

A quindici anni volevo
capire:
era il mio imperativo
capire.
Adoravo Cartesio, le sue
idee chiare e distinte
(ma allora metti in parentesi
quasi tutto, o tutto del tutto)
M'incantava a capo
del letto il suo sguardo ostinato
di ragione, dal poster
francese.

Poi faticosamente
ho capito
che non c'era nulla
da capire.

E'cosi'riposante non capire
i giochi feroci della natura
e/o della storia (o dell'aldilà)
- ti basta un documentario
sull'etologia, o una seduta
del tribunale di Priebke
o un fumetto medievale dell'inferno-
si puo' solo
raccogliere ricucire
descrivere.

Puoi trascorrere anni in
romanzi o testi
seriosi di scienza
ti sfuggirà sempre il senso
e il senso del senso:

L'ultima porta che devi aprire
in totale assoluta solitudine
(quando entri invece
c'è tua madre e il percorso
è tra tenere pareti
protettive)
Beati gli antichi: ipse
dixit: aveva capito uno
solo e bastava per tutti.

Ora tutti si affannano
a cercare e non si trova che ASSENZA
PERDITA VUOTO
NULLA.

giovedì 23 giugno 2011

La teoria del rimbalzo

Aggiungi immagine
Uno ogni tanto si deve porre delle domande....
Una che mi è venuta in mente in questi giorni riguarda il fenomeno del rimbalzo.
Tale parola è spesso usata in borsa: l'indice rimbalza del 2% !
Magnifico..avrò guadagnato finalmente...
Peccato che un'azione vale 100, dopo che ha perso il 10% va a 90.
Se il giorno dopo anche ne guadagna 10 di punti percentuali, arriva a 99.....
100 giorni così e ti ritrovi con il cerino in mano....

Repost

D'altronde, basta ricorrere alla legge della fisica.
Pensate ad una pallina da tennis, fatta cadere dall'alto su un pavimento.
Ad esempio da 10 metri.
La velocità all'impatto sul pavimento = V = Radice quadrata di (2 X g X 10) = sarà di 13,40 m/s
Il Tempo T di caduta (inizia la caduta con velocità nulla) = V = Vin + g X T = 0 + 9,8 X T allora T = V/g = 13,40/9,8 = sarà di 1,37 s
Il tempo che impiega la pallina dal rimbalzo al raggiungimento della massima altezza sarà Vfin = 0 = 7,70 + accelerazione X Tfin allora Tfin = 7,70/9,8 = 0,78 s
Quindi...se butto una pallina da 10 metri rimbalzerà di circa 3 metri (H = (0,5 X 0,78 * 0,78 x 10))

Uaoo..un rimbalzo di 3 metri !!!!
Ve la immaginate una pallina che fa un rimbalzo di 3 metri...vuol dire un piano di un condominio !

Peccato però che la pallina prima di rimbalzare stava a 10 metri....

domenica 19 giugno 2011

FRUGHERANNO MANI

Le mie cose nel solito disordine:
carte libri ninnoli vestiti
che hanno toccato il mio corpo
ancorato un ricordo
commosso la mia anima.
E le fotografie, coi loro immoti
occhi, innocenti di futuro...

Dopo, frugheranno mani
impazienti, mani curiose
o avide, mani indifferenti.
Sento una stretta, un soffio
freddo mi attraversa.
Sto imparando a lasciare.

mercoledì 15 giugno 2011

SE SAPREMO CONFONDERCI FRA GLI ALTRI

Tra poco dai platani le foglie
cadranno.
Avrà un altro inverno questa strada
sarà un ventoso scoglio San Martino
dove fra nebbie approderà lo sguardo.
Tu che stai o sembri dall'altra parte, vieni.
L'asfalto lucido di pioggia specchierà
una gonna policroma, e se chini
il viso, anche una maschera d'attesa
vestita di colori per illuderci.
Sentiremo passando per le strade
salire verso il cielo alti clamori
d'illusioni a un silenzio della pioggia,
se puo' intendersi grido senza suono.
Saremo anche noi parte del clamore
se sapremo confonderci fra gli altri.

A.G.M.

sabato 11 giugno 2011

GUIDO VORREI

"Guido, vorrei che tu e Lapo ed io
fossimo presi per incantamento
e messi in un vasel che ad ogni vento
lieto n'andasse al voler vostro e mio...
così avremmo voluto che quel nome
avesse il figlio che doveva venirci.

Mio fratello giunse a farci forza
dal mondo al quale eravamo precisi
con la sua presenza che stringeva
farci presenti alla nostra distanza,
ma le cose piuttosto ebbero un linguaggio
in quei momenti di esatta trasparenza
i contorni ne destarono un profilo
preciso come se la poltrona in cui sedeva
dovesse inciderle il ventre e non il bisturi,
il sole ebbe a un momento il filo netto
nelle immagini che sfiorano l'incubo,
ed ella era così sola e chiusa
in una scorza che tutti escludeva
per chiedere agli oggetti quale cifra
potesse esprimere un arco concluso.

Quando mi fu portata dentro piansi
senza pensieri di paura animale,
ad un lampo la vidi sul tavolo nudo
le mani legate esangui il viso spento
in una maschera di inerte compostezza,
i medici le schiudevano dal ventre
il figlio, automi esperti che negavano
il suo sangue inaridivano il dolore.

Improvvisa mi giunse la sua voce cantante
oltre la porta che avrei voluto colpire
- e non lo feci - per spalancarmi un senso
che mi sfuggiva di disaminato stupore.
"Guido, vorrei che tu e Lapo ed io
fossimo presi per incantamento
e messi in un vasel che ad ogni vento
lieto n'andasse al voler vostro e mio....
e così seppi quel che avevo inteso,
donna era che voleva che l'amassi
piuttosto d'intelletto che d'amore.

A.G.M.
repost

domenica 5 giugno 2011

12 - 13 GIUGNO REFERENDUM : VOTA SI'


PER L'ACQUA PUBBLICA

CONTRO IL NUCLEARE

CONTRO IL LEGITTIMO IMPEDIMENTO


mercoledì 1 giugno 2011