Una finestra sul Mondo

Arte - L'immagine del giorno

Astronomia - Un'immagine al giorno



Il gadget che stava qui è sospeso per 24/48/60 ore.
Stiamo valutando una soluzione alternativa.
Ghe pensi mi, così si espresso il Presidente dell'Isola che ha già riunito un'apposita task force che si concentrerà per trovare la soluzione migliore nel minor tempo possibile.
Nel frattempo nell'Isola c'è agitazione.
Pare esistano forme di vita intelligenti.
Il Presidente è sconvolto dalla raggelante novità.


mercoledì 9 dicembre 2009

VIA CAPUOZZO N. 4

La casa sventrata
da occhiaie sgomente
gronda mattoni.
Scrosci coprono risa
sommesse, corse, segreti
infantili,
dalle pareti scendono
parole in fila
come nere formiche
nel corridoio vuoto,
battono ancora
le ali del tuo riso:
sul soffitto scrostato
smalti di sogni.

17 commenti:

Pupottina ha detto...

brava R.L.!
bella poesia!

Pupottina ha detto...

riri, ciao e buon divertimento per il tuo interessante programmino di oggi...

giardigno65 ha detto...

smaltiamo tutto di sogni ...

Caterina ha detto...

Bella poesia. Mi viene la nostalgia.
Bacini

pierangela ha detto...

ciao carissimi,buona serata.

amatamari© ha detto...

Davvero bella, molto intensa, vera.
Grazie.

Gabry in blog Belella ha detto...

Che altro aggiungere... in questa casa già c'è tutto.. la vita il sorriso e i sogni...

Un abbraccio e dolce notte!

marcella candido cianchetti ha detto...

buona giornata vasilli

Gabry in blog Belella ha detto...

Buongiorno.... una nuova alba...tanto silenzio che regala un pò di pace e che ti fà guardare dentro... mentre fuori c'è la vita che continua...

Un abbraccio!

pierangela ha detto...

ciao un abbraccio!

il monticiano ha detto...

Questi versi bellissimi mi hanno fatto tornare in mente quando morì mia madre nella nostra casa qui a Roma in via della Polveriera. Non era nostra la casa ma ci siamo nati noi quattro fratelli e i nostri genitori ci hanno abitato fino alla loro scomparsa. Nel 1976 qualche giorno la scomparsa di mia madre, tornai in quella casa e c'erano uno o due operai intenti a restaurarla, demolendo qua e là.
Una canzone, parole e musica, da allora non mi ha lasciato più.
Se credi puoi trovarla in un video su Google sotto l'indicazione "Casetta de' Trastevere - Casa mia" cantata da Claudio Villa.
Ti ringrazio molto per avermi dato il motivo di tornare ad ascoltarla grazie alla dolcezza dei tuoi versi.

Lina-solopoesie ha detto...

RIRI
Molto bella questa poesia, non è facile scrivere una poesia così perché è molto ben studiata, la cosa che stupisce è la delicatezza delle parole e delle frasi, un’anima raccoglie i ’suoi’ elementi, ciò da cui si nutre, per rivisitarli in modo personale e felice.
Molto profondo anche il finale, un mistero che ci accomuna e che ancora tutti ci riguarda.
BUONA GIORNATA UN BACIO
LINA

Tua madre Ornella ha detto...

Rirì
molto bella anche se molto triste...

Un bacio
Ornella

Gabry in blog Belella ha detto...

Sveglia ...sveglia e buongiorno... fuori c'è un'alba bellissima ora si prospetta una giornata stupenda il cielo è terso e le ultime stelle salutano il mattino che nasce, io sono li ad ammirare questa meraviglia sorseggiando una tazzina di caffè e accendedomi la prima sigaretta e godendomi questo momento tutto e solo mio della giornata.

Un abbraccio!

marcella candido cianchetti ha detto...

buon giorno vasilli

Guernica ha detto...

Come dire che gli ambienti ci rappresentano, quando sono nostri...
Non so se mi spiego ;)

Un bacione a tutti!!!

Antonella ha detto...

Bellissima poesia!...Le nostre case ormai lontane nei ricordi si somigliano un pò tutte...! Anche se con un velo di tristezza è sempre bello spolverare i ricordi di quei tempi!
Un caro abbraccio a voi due!